Linux: prima lo provo, poi decido

Si parla tanto di Linux come alternativa open source e gratuita a Windows ma molti rinunciano anche solo a dare una sbirciatina, spaventati dalla complessità dell’installazione e, magari, dalla difficoltà di utilizzo.

Ormai le cose non stanno più così, anzi, è da qualche anno ormai che Linux, nel suo continuo e rapido processo di maturazione, è divenuto un sistema operativo alla reale portata di tutti. Purtroppo molti associano ancora l’idea di Linux a lunghi comandi da digitare con la tastiera, configurazioni complesse anche per svolgere operazioni semplici ma non è più così.

Inoltre, grazie alle distribuzioni Live, oggi c’è la possibilità di provare Linux senza installare nulla sul proprio hard disk. Quindi, al riavvio del pc, tutto torna come prima! In questo modo si ha la possibilità di provare questo sistema operativo ed esorcizzare, magari del tutto, dubbi e perplessità.

Se volete provare Linux dovete scegliere una delle numerose distribuzioni disponibili gratuitamente sul web. Una distribuzione possiamo immaginarla come una versione personalizzata di Linux, volta a semplificare o approfondire un particolare ambito di utilizzo (leggi qui per maggiori informazioni). La distribuzione più popolare e semplice per chi si avvicina a Linux è probabilmente Ubuntu ma anche Suse, Fedora, Mandriva e le altre sono altrettanto valide.

Altra particolarità di Linux è l’interfaccia grafica. Windows ne ha una sola mentre su Linux ne abbiamo tante tra cui scegliere ma le principali sono due: KDE e GNOME. Cosa cambia? Ormai relativamente poco, le due interfacce sono entrambe molto complete e graficamente accattivanti ma, per un primo approccio a Linux forse è preferibile KDE (ma in fondo è solo questione di gusti).

Se avete voglia di provare un sistema operativo nuovo, potente, affidabile ma non ve la sentite o non vi ritenete in grado di procedere con una vera e propria installazione, come anticipato, basta scaricare una distribuzione Live, masterizzarla su un CD e avviare il proprio pc con tale disco inserito. Potrete toccare con mano le numerose potenzialità di Linux senza modificare di una virgola la configurazione del vostro pc (ad es. provate con Fedora10, disponibile a questo indirizzo per il download: http://download.fedoraproject.org/pub/fedora/linux/releases/10/Live/i686/F10-i686-Live-KDE.iso).

Tentar non nuoce.