NetBook o NoteBook

Da qualche tempo le vetrine dei negozi di computer sono affollate da piccoli computer portatili dal costo particolarmente basso: si tratta di prodotti appartenenti alla categoria dei netbook.
Il netbook, concepito per soddisfare esigenze di mobilità ed autonomia (sulla scia dei prodotti EEE “Easy, Excellent and Exciting” lanciati in Italia da Asus), dispone generalmente di un sistema operativo open source (una distribuzione Linux creata ad hoc) e un limitato set di funzioni.

Tuttavia i recenti netbook prodotti da Acer, denominati AspireOne D150, vengono forniti con una licenza d’uso OEM di Microsoft Windows Xp Home Edition, adatta alla maggior parte degli utilizzatori, e con una configurazione hardware di tutto rispetto.

Tali apparati riescono a competere con i più costosi notebook (generalmente basati sui processori Intel Core Duo) in quanto più economici e leggeri, con un display tutto sommato accettabile (10.1″ con risoluzione 1024×600), un hard disk da 160gb, connettività Fast Ethernet (10/100 Mbps) e WiFi 802.11g (54 Mbps), lettore di memory card multiformato, webcam integrata (ma di soli 0,3 mpix).

Dispongono di 1 GiB di memoria RAM, sufficiente per Windows Xp Home Edition, e grazie ai nuovi processori Intel Atom N280 con frequenza di clock a 1,6 Ghz riescono ad ottenere prestazioni accettabili per la maggior parte degli utilizzi (applicativi d’ufficio, internet, ecc.).

Tuttavia va considerato che:

  • il sistema operativo Windows Xp Home Edition presto non sarà più ufficialmente supportato da Microsoft, pertanto la mancanza dei preziosi aggiornamenti periodici impedirà di mantenere bassa la vulnerabilità del sistema dai worm (per usufruire degli aggiornamenti fino ad aprile 2014 è necessario installare il Service Pack 3);
  • la potenza di calcolo, sebbene adeguata per un uso tipico, si rileva insufficiente per tutte quelle applicazioni che richiedono maggiore potenza (ad es. videogiochi, videoediting, fotoritocco, 3d modeling, ecc.);
  • la risoluzione dello schermo (1024×600) spesso è inadeguata utilizzando applicativi che richiedono molti pannelli di comandi sullo schermo;
  • non dispone di unità DVD/RW, pertanto è necessario dotarsi di un’unità esterna USB per fare il primo backup completo del sistema per eventuali reinstallazioni future.

D’altro canto l’autonomia è di circa 7 ore (per i modelli con batteria al litio 6 celle da 5200 mAh) e il peso ridotto a poco più di 1 kg (1,18 kg) lo rendono un’alternativa valida ai più costosi notebook, soprattutto considerando che il costo è di circa 350 euro IVA inclusa.