Windows XP termina il suo ciclo di vita. E adesso?

StopIl prossimo 8 aprile 2014 Microsoft terminerà il supporto ufficiale al suo sistema operativo più diffuso e apprezzato dagli utenti: Windows XP. Termina quindi il ciclo di vita del sistema più famoso e diffuso del mondo nel personal computing.

Distribuito nell’ottobre del 2001, con i suoi 13 anni di presenza attiva sul mercato, Windows XP segna sicuramente un record in casa Microsoft. I più recenti aggiornamenti, Service Pack 2 prima e Service Pack 3 poi, lo hanno reso molto più stabile ed affidabile delle prime edizioni, conquistandosi il favore di moltissimi utenti, i quali mal volentieri migrarono a Windows Vista, successore di Xp.

Per iniziare un vero processo di upgrade dei sistemi la maggior parte degli utenti ha atteso Windows 7, successore di Windows Vista. Oggi, paradossalmente, Microsoft si trova a dover fronteggiare la stessa diffidenza rispetto all’adozione del più recente Windows 8.1, soprattutto a causa delle marcate differenze nell’interfaccia utente ma, complice l’operazione di convergenza tra l’interfaccia adottata sui dispositivi mobili e fissi, sicuramente l’azienda di Redmond troverà presto nuovi consensi tra gli utenti.

Cosa cambierà dopo l’8 aprile per i possessori di Windows XP?

Microsoft non rilascerà più gli aggiornamenti del sistema operativo. Questo significa che un computer con Windows XP sarà esposto alla minaccia dei worm, programmi malevoli che sfruttano le falle del sistema operativo (errori di programmazione) per introdursi nel sistema all’insaputa dell’utente al fine di carpirne dati personali, inviare spam e/o partecipare assieme ad altri computer infetti ad attacchi ad altri sistemi, noti come attacchi DOS (Denial of Service).

Considerando che un computer non connesso ad Internet oggi ha perso gran parte della sua utilità ne consegue che è fortemente sconsigliato continuare ad utilizzare un PC con un sistema operativo che ha terminato il suo ciclo di vita.

Quali sono le alternative?

Continue reading